PALLAVOLO: UFFICIALE LA CANDIDATURA DI GIORGIO PARODI/IL PROGRAMMA

Si avvicina a grandi passi l’elezione del nuovo comitato regionale e territoriale della pallavolo ligure. Da un lato c’è la presidente uscente Del Vigo, che nonostante i 12 anni al vertice ha manifestato l’intenzione di proseguire il suo mandato, dall’altra parte lo sfidante sarà Giorgio Parodi, patron della PSA Olympia, squadra neo promossa in B1 e presidente della Serteco Volley School in B2. Abbiamo contattato telefonicamente Parodi per avere una conferma su quanto si legge negli ultimi giorni sui vari media.

Sono vere le voci che la vedono come sfidante di Anna Del Vigo alla presidenza ligure?

“Si, ufficializzo quest’oggi la mia candidatura a potenziale presidente della Fipav regionale”

Come mai ha deciso di fare questo passo?

“Un management nuovo alla federazione dopo 12 anni di operatività del presidente deve essere fatta. Ho sentito parecchie società e abbiamo condiviso le varie problematiche che la Fipav regionale sta attraversando, quindi ho accettato la candidatura. Stiamo passando un momento davvero difficile: prima la crisi finanziaria, poi l’arrivo del Covid-19 a peggiorare la situazione. Tutte le società sportive, dall’estremo levante all’estremo ponente, hanno bisogno di un supporto più concreto da parte di una Federzione ligure che deve essere sempre più forte e a contatto con la politica ligure attuale”.

Qual è il vostro programma da portare avanti in caso di elezione?

“Vogliamo portare avanti un programma che si basa su 5 punti fondamentali. 

Il progetto scuole: la federazione deve essere in prima linea a fianco delle società e imbastire un tavolo di lavoro con tutti i presidi e dirigente scolastici dei vari territori per far si che la pallavolo possa avere più spazio.

Progetto giovani: investire dal MiniVolley S3 riportando la pallavolo ad essere uno sport importante partendo appunto dai piu piccoli. Abbiamo visto purtroppo che alcune società hanno dovuto chiudere o rifiutare la partecipazione a campionati importanti per via del momento difficile“.

Progetto Beach volley: l’attivita non deve essere soltanto indoor. È un punto fondamentale per la nostra campagna perché una regione come la Liguria, sia sul mare sia nell’entroterra, offre diverse opportunità per questo sport e noi vogliamo valorizzarlo. Ovviamente il tutto va in appoggio e all’ottimo lavoro che già fanno tutte le società liguri con mille sacrifici.

Maggior rilevanza: saremo al fianco delle singole società e vogliamo far si che tutto il movimento ligure abbia una importanza maggiore a livello nazionale”.

Investire sull’organizzazione degli arbitri che sono fondamentali. Vogliamo creare un rapporto di collaborazione più stretto con gli arbitri liguri per da loro un supporto maggiore dato l’ottimo lavoro che hanno fatto sino ad oggi e stanno dando per il nostro movimento”. 

Qual è il suo messaggio al mondo della pallavolo ligure?
“Dico al mondo pallavolo ligure di tenere duro, questa pandemia spero passi presto con l’arrivo del vaccino per poi ripartire alla grande. Ci piacerebbe, se possibile, riportare la Liguria in un campionato nazionale di rilievo come la serie A”.