CALCIO, ECCELLENZA: FEDERICO VIRGA DELLA ASD IMPERIA: “CON IL BAIARDO SARA’ UNA PARTITA MOLTO FISICA”

Non sarà semplice quest’oggi per l’Imperia affrontare la squadra di casa A. Baiardo. Certo dal nome si potrebbe pensare ad una di quelle squadre di periferia che vede nella domenica un momento di svago e di partitella tra gli amici ma vi possiamo assicurare che così non è.
La sua forza è una società molto ben  strutturata, organizzata e sempre molto disponibile, ve lo possiamo garantire noi in prima persona visto che la scorsa stagione eravamo presenti e lo abbiamo potuto constatare di persona. La squadra è stata promossa nella stagione 2017-18 e questa è il secondo campionato in Eccellenza chiudendo la scorsa stagione in ottava posizione e collezionando 40 punti. La squadra è stata rinforzata nella sessione estiva di calcio mercato, rimane il grosso problema del campo che non versa in ottime condizioni, anzi.

La direzione di gara è stata assegnata al sig. Bello della sezione di La Spezia, gli assistenti sono: Baruzzo e Siano sempre della sezione spezzina.

A guardare alla partita di questo pomeriggio c’è il difensore centrale Federico Virga che ha risposto alle nostre domande:

Come hai visto la squadra?
La squadra è ottima. Siamo compatti, il gruppo sta crescendo e questo fattore farà la differenza, si è visto anche domenica scorsa che ci abbiamo creduto fino all’ultimo contro il Genova Calcio rimanendo concentrati e uniti fino alla fine.

Ci credevi a partita in corso?
Si perchè abbiamo fatto una delle partite migliori e sapevo che un gol, di rifa o di rafa, lo avremmo fatto. L’ho vista bene, quando ho chiesto il cambio perchè mi sono fatto male in cuor mio speravo avrebbe deciso la partita qualcuno che entrava dalla panchina, ero convinto che avremo vinto anche perchè abbiamo fatto un’ottima partita e meritavamo la vittoria.
Vincere alla fine, quando lo sforzo è tanto, da più entusiasmo, più morale e più forza nelle gambe per le prossime partite. Domani arriviamo contro una squadra che io non conosco ma mi hanno detto che è molto difficile con un campo altrettanto non facile, sono quei classici campi “palla lunga e sangue agli occhi“.

Quale sarà la chiave di lettura di questa partita?
La chiave di lettura sicuramente deve essere la concentrazione, non farci mettere sotto visto che per loro le condizioni del campo è un vantaggio. Noi dobbiamo comunque proporre sempre il nostro calcio, dobbiamo cercare di non farci trovare impreparati, dovremo correre e farci sentire dagli avversari sia calcisticamente che fisicamente. Più che una partita calcistica sarà molto fisica e intensa ma poco tecnica.

Quale squadra ti ha impressionato tra quelle che hai visto fin’ora?
Impressionato nessuna, ho visto però una buona squadra nel Genova Calcio infatti poi ha vinto in settimana nel recupero con il Sestri Levante che da quanto si dice è una delle formazioni più quotate alla vittoria del campionato. Mi sono piaciuti perchè hanno sempre provato a giocare fino alla fine in “casa nostra” anche se eravamo a Diano Marina, ed è difficile vedere una squadra che cerca di imporre il proprio gioco fuori casa.