AIKIDO: SABATO 1 GIUGNO VALUTAZIONE FINALE PER GLI ATLETI DELLA SCUOLA KAZUO CHIBA/ FOTO E VIDEO

Imperia. Ieri mattina, sabato 1 giugno dalle ore 10:00 alle 12:00, si è svolta l’ultima lezione con un “esamino” per gli oltre trenta atleti dell’insegnante Paolo Bessone della scuola di Aikido metodo tradizionale Kazuo Chiba presso la palestra “Ok Club” di Imperia.

Una disciplina, per gli adulti e per i piccolini, molto importante per l’autodifesa personale e che va a toccare anche elementi fondamentali come il rispetto per il prossimo, la spiritualità, la disciplina e l’armonizzazione con il proprio se interiore.

Le attività in palestra sono terminate questa mattina ma, durante l’estate, proseguiranno con diversi stage all’aperto, in mezzo alla natura.
I corsi, per quanto riguarda l’Aikido, riprenderanno martedì 17 settembre, per gli adulti, e da giovedì 19 invece per i bambini.
Gli allenamenti saranno il martedì, giovedì e sabato mattina.

Per informazioni e/o iscrizioni contattare i seguenti recapiti:
email – aikibudoca@libero.it
tel – 349 5738458

Di seguito un video riassuntivo dell’esamino e la photogallery:

Le interviste di fine corso:

Cos’è l’Aikido?

Il nome aikido è formato da tre caratteri sino-giapponesi:  (ai),  (ki),  () la cui traslitterazione è la seguente:

 (ai) significa “armonia” e nel contempo anche “congiungimento” e “unione”;

 (ki) è rappresentato dall’ideogramma giapponese  che, nei caratteri della scrittura kanji, raffigura il “vapore che sale dal riso in cottura“. Significa “spirito” non nel significato che il termine ha nella religione, ma nel significato del vocabolo latino “spiritus”, cioè “soffio vitale”, “energia vitale”. Il riso, nella tradizione giapponese, rappresenta il fondamento della nutrizione e quindi l’elemento del sostentamento in vita ed il vapore rappresenta l’energia sotto forma eterea e quindi quella particolare energia cosmica che spira ed aleggia in natura e che per l’Uomo è vitale. Il  “ki” è dunque anche l’energia cosmica che sostiene ogni cosa. L’essere umano è vivo finché è percorso dal “ki” e lo veicola scambiandolo con la natura circostante: privato del “ki” l’essere umano cessa di vivere e fisicamente si dissolve;

 () significa letteralmente “ciò che conduce” nel senso di “disciplina” vista come “percorso”, “via”, “cammino”, in senso non solo fisico ma anche spirituale.

合氣道 (ai-ki-dō) significa quindi innanzi tutto: «Disciplina che conduce all’unione ed all’armonia con l’energia vitale e lo spirito dell’Universo».

Ueshiba Morihei, il fondatore dell’aikido, usava dire che l’aikido anela sinceramente a comprendere la natura, ad esprimere la gratitudine per i suoi doni meravigliosi, ad immedesimare l’individuo con la natura. Quest’aspirazione a comprendere e ad applicare praticamente le leggi della natura, espressa nelle parole “ai” e “ki”, forma l’essenza ed il concetto fondamentale dell’arte dell’aikido.

Fonte: Wikipedia