RIVELAZIONE CLAMOROSA! LA “PRIMA” DELL’IMPERIA CALCIO FU UN DERBY A SANREMO NEL 1913!

Retrodatare la storia dell’Imperia Calcio di dieci anni? Farne coincidere l’inizio con un derby? Si può. Ha del clamoroso, ma è tutto comprovatamente vero! Ce lo spiega Gerson Maceri nel suo “I pionieri del football ponentino” (disponibile su eBay qui: https://www.ebay.it/itm/264273080183 e su Amazon qui: https://www.amazon.it/dp/B071JHCNLH):

«Il “Pensiero di Sanremo” del 6 luglio, annunciando la chiusura della stagione calcistica, diede conto dell’ultimo match, giocato il 22 giugno fra il Sanremo F.B.C. e l’Imperia F.B.C. «delle città di Oneglia e Porto Maurizio»

Nonostante l’Unione Sportiva Imperia, nata la sera del 16 ottobre 1923, venga considerata la prima associazione intitolata alla nuova città sorta dalla fusione delle predette e di altri nove piccoli comuni, quindi, il nome romanamente forte e augurale fu già utilizzato per designare l’espressione calcistica del comprensorio oltre dieci anni prima.

«Il match riuscì una bella affermazione per i nostri neroazzurri (nda: sì, quelli del Sanremo F.B.C.!), che, con una squadra largamente incompleta e che da circa due mesi aveva lasciato l’allenamento, seppero tener testa allo squadrone avversario, allenatissimo e che contava ottimi elementi».

Nel primo tempo, il maggior rodaggio imperiese fu sancito dal vantaggio realizzato da capitan Gibelli; nella ripresa Laus, Puppo e Farina guidarono la carica matuziana e soltanto a causa di un prodigioso Gibelli (autore di altre due reti), di «diversi tiri che andarono falliti per sfortuna» e di un goal «annullato dall’arbitro per un offside molto discutibile perché ottenuto su corner» venne negata l’apoteosi assoluta ad una Piazza d’Armi popolata da un «pubblico abbastanza numeroso».

La “campagna” del 1912/13, chiosò il cronista, «tanti allori fruttò alla nostra squadra, che su dodici match disputati con squadre liguri e della riviera francese, seppe vincerne ben dieci e ottenerne due nulli».

Sullo stesso incontro relazionò anche il “Corriere di Porto Maurizio” del 29 giugno, fornendo però denominazioni sociali più estese e identikit diversi (Società Ginnastica Sanremo, «la più forte squadra della provincia», e Imperia Sporting Club, «giovane società formata da poco più di un mese»).

Compiaciutosi dell’imparzialità dell’arbitro Ettore Marcone, il cronista del capoluogo non si attardò nell’elencazione delle azioni che portarono al tre a tre finale. Espresse, semplicemente, la sua preferenza per i beniamini locali, che «privi d’allenamento, ma con brillante giuoco individuale, hanno dimostrato la loro superiorità».

Di seguito, le formazioni.

Sanremo F.B.C. (Società Ginnastica Sanremo): Barovero (Icard); Moreno, Carlo; Marasini, Panizzi, Farina; Carbone I, Carbone II, Laus (capitano), Puppo, Semiglia.

Imperia F.B.C. (Imperia Sporting Club): Cinione; Chichizola, Fazzari; Gazzano, Brignole, Agnese; Traverso, Cesarini (Canepa), Fava, Lazzarini, Gibelli (capitano)».