PALLAVOLO. VOLLEY PRIMAVERA. COACH CANETTI: “LA SQUADRA CHE TEMO DI PIU’ E’ IL VOLLEY PRIMAVERA”

Confessiamo la nostra simpatia e attaccamento alla squadra maschile di pallavolo, Volley Primavera, composta da un team altamente competente, partendo dal suo Presidente, Piero Saglietto e tutti i suoi dirigenti, un gruppo di ragazzi/atleti, guidati dall’ottimo coach Marco Canetti, davvero professionali e disponibili che lo scorso anno vuoi per un pò di sfortuna e qualche errore di troppo non sono riusciti a centrare l’obiettivo promozione.
Abbiamo chiesto un commento a coach Canetti riguardo i prossimi avversari del campionato serie D maschile, gli obiettivi societari, alcuni inserimenti dal settore giovanile e un saluto particolare ad Antonio Molinaro che lascia la pallavolo.

Coach, cosa dice di questi avversari per la stagione 2018-19?
“E’ stata un pò una sorpresa perchè ho visto delle new entry che non mi aspettavo, sono rimaste Rapallo, Admo Volley, Cus Genova che l’anno scorso ha vinto la serie C e con la seconda squadra farà la D. E’ un pò un punto interrogativo perchè al momento non conosco bene l’organico di queste squadre quindi per ora non so cosa ci aspetta”.

Cosa si aspetta da questo campionato?
“E’ un campionato che dovremo imparare a conoscerlo giocando, verso Genova poi ci sono tanti cambiamenti nei vari organici quindi, quando li affronteremo, li vedremo e potremo valutarli. Penso che ci sarà di nuovo il Rapallo che è la squadra che è arrivata 4°, il Voltri che è retrocesso dalla serie C e penso che renderà dura la vita a molte squadre”.

Quale di queste squadre teme di più?
“La squadra che temo di più, dopo lo scorso anno siamo noi, perchè dopo le ultime due partite mi è rimasto l’amaro in bocca, perchè avevamo fatto tutto veramente bene e poi ci siamo sciolti nelle ultime due partite pur giocando. Il gruppo dello scorso anno vuole dimostrare che l’anno scorso qualcosa hanno sbagliato e quindi ripartiamo, anche con alcuni innesti dal settore giovanile come un ragazzo del 2003, Riccardo Cirilli, che in prospettiva è molto bravo, alto 193 cm.  farà anche parte della selezione regionale”.

Quali sono gli obiettivi stagionali?
“Per la stagione vivremo alla giornata però siamo consapevoli di potercela giocare.
Vogliamo salutare e ringraziare Antonio Molinaro che ha deciso di smettere, è stato di grande aiuto la scorsa stagione e lo ringraziamo per tutto quel che ha fatto per noi.
L’anno scorso abbiamo fatto una grande stagione nonostante nessuno credesse in noi e quest’anno dovremo ripeterci migliorando”.